“Israel on the road”: il mio viaggio in Israele!

Dicono che almeno una volta nella propria vita bisognerebbe andare in Israele. Io, in vent’anni, non ero riuscita a metterci mai piede, o almeno fino a novembre 2012.
La mia avventura nella terra promessa iniziò proprio in quel periodo quando, ancor prima di toccare il suolo israeliano, mi ritrovai subito immersa nell’ “atmosfera”, grazie alla compagnia aerea “El Al” in cui si parlava soprattutto ebraico ed il pasto era kosher.

Durante l’atterraggio nell’aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv, l’emozione prese il sopravvento e mi ritrovai a piangere, accorgendomi di non essere l’unica.
La prima tappa del mio viaggio “Israel on the road” fu il lungomare di Tel Aviv, popolato da giovani palestrati e abbronzatissimi, e in pochi giorni mi ritrovai anche io la pelle nera.
Ciò che caratterizza questa città, è il fatto che sembra “non dormire mai”. Tutti sono sempre in movimento tra spiagge, locali e centri commerciali!
Come dimenticare il Dizengoff Center? Dotato di negozi interessanti, fast-food, bar… Un cinema e una palestra! Il venerdì, si iniziava a sentire “l’odore dello shabbat” grazie agli stand appositi, in cui le persone potevano comprare la cena già pronta. Un luogo che consiglio di visitare, ma con la consapevolezza che una volta usciti di lì il vostro portafoglio, inevitabilmente, sarà più leggero!
Ho avuto modo di ammirare la fontana su Dizengoff Street, un tripudio di colori e di musica.

Il giorno seguente, è stata la volta del Mar Morto e, in realtà, quello che mi è piaciuto maggiormente è stato il viaggio di andata, dove ho potuto scoprire molte cose, tra cui l’antica fortezza di Masada.
Israele è stata per lungo tempo una terra arida ed incolta ed è stato affascinante vedere oggi una grande coltivazione di palme nel deserto, il sistema di irrigazione per la trasformazione dell’acqua salina e delle specie di animali (stambecchi, cammelli) che in Italia avrei modo di conoscere solo attraverso una gabbia di uno zoo.
Una volta arrivata sulla spiaggia del Mar Morto, iniziai il “trattamento” che tutti invidiavano e la giornata passò così: una “spalmata”di fanghi, un po’ di sole e, una volta essiccato il tutto, un “tuffo” in acqua (anche se dalla consistenza sembrava più olio che altro), per togliere i residui di fango ed infine un piccolo scrub con i sali (presi direttamente dal fondo).

Durante la mia vacanza ho avuto modo di visitare molti luoghi tra cui Jaffa e Nethanya, ma ciò che merita di più l’attenzione di tutti è Gerusalemme, la culla delle religioni.
Era un lunedì e dopo aver fatto una passeggiata nella città nuova, ci siamo diretti verso la città vecchia, passando per il Mamilla, centro commerciale all’aperto, in cui, durante la ristrutturazione, le pietre originali sono state numerate, smontate e riposizionate.
Mentre si cammina, però, è ancora possibile vedere la numerazione sulle vecchie pietre.
Arrivata nella città vecchia, ho iniziato a visitare la parte cristiana, soffermandomi sulla pietra dell’unzione dove venne preparato il corpo di Gesù per la sepoltura, per poi dirigermi, finalmente, verso la parte ebraica: il Kotel, noto come muro del pianto.
Un luogo dove l’ebraismo si vive soprattutto nei giorni dei Bar Mitzvah, in cui la piazza è affollata dalle famiglie che vengono da ogni parte d’Israele, per celebrare la prima lettura biblica del proprio figlio. Un luogo dove potete trovare, a tutte le ore del giorno e della notte, i fedeli che vengono a pregare, ognuno con le proprie usanze ed i propri costumi.
Chi viene in pellegrinaggio a Gerusalemme, è solito lasciare il testo di una preghiera tra le pietre millenarie, sperando che quel “desiderio” si avveri. Chi va via, invece, non dà le spalle al muro e promette di ritornare l’anno prossimo.

Sicuramente uno dei ricordi che porterò sempre con me, perché quando penserò ad Israele, la prima cosa che mi verrà in mente sarà l’immagine di una città che lega un po’ tutti, nonostante le diversità religiose.

 

Se ti piace Rebel Fashion Blog e gli argomenti che tratta, aiutaci a sostenerlo!
Con una piccola donazione potrai permetterci di migliorarlo con nuove iniziative e tante novità!

Miriam

Il libro della Shoah, ogni bambino ha un nome…

“Il libro della Shoah – Ogni bambino ha un nome…” è un libro edito Edizioni Sonda e scritto da Maria Teresa Milano e Sarah Kaminski… Due autrici che sanno il fatto loro!

Maria Teresa Milano dopo un percorso classico col pianoforte, ha studiato tecnica vocale. Laureata in Filologia ebraica, ho conseguito il dottorato di ricerca in Ebraistica e dopo un corso di specializzazione in Israele su La musica della Shoah con il prof. David Bloch, ha creato progetti culturali e percorsi per scuole e istituzioni, in cui la musica diventa linguaggio e mezzo di trasmissione universale di contenuti. Autrice di saggi e performance teatral-musicali, canta in diverse formazioni.
Sarah Kaminski, invece, è docente di Ebraico moderno all’Università di Torino e traduttrice, si è specializzata in didattica della Shoah presso la Scuola di Yad Vashem, Gerusalemme. Collabora con istituti storici e associazioni culturali ed è consulente della rivista di studi ebraici Keshet.
L’introduzione del libro, invece, è stata curata da David Grossman, scrittore e saggista israeliano.

libro

Il libro della Shoah vuole restituire un volto e una storia individuale a un milione e mezzo di bambini ebrei, slavi, zingari, etc., ai quali le persecuzioni nazifasciste strapparono l’infanzia. Negli ultimi anni in Italia, con la crescita di iniziative legate al Giorno della Memoria, si sono sviluppati anche gli studi dei vari aspetti della Shoah, con l’obiettivo di salvaguardarne la memoria e sempre più di coglierne le peculiarità: i bambini nella Shoah è una di queste.Il delicato tema dell’infanzia è stato così affrontato da numerosi storici che hanno colto il bambino non solo come vittima, bensì come una storia e un’identità specifiche. Il libro della Shoah propone un’originale raccolta di materiale narrativo, storico, artistico, musicale e didattico finora inedito in Italia, rielaborato con sensibilità e competenza dalle autrici, sul tema specifico della Shoah vissuta dai bambini. Oltre ai racconti inediti di Lia Levi, Sulla luna nera un grido, e di Uri Orlev Il sottomarino, il volume vede la collaborazione di autorevoli studiosi come Marco Brunazzi, Alberto Cavaglion, rav Roberto Della Rocca, Anna Foa e Brunetto Salvarani, ed è arricchito dalle illustrazioni e le opere d’arte di Marc Chagall, Emanuele Luzzati, Nerone (Sergio Terzi) e Valeria De Caterini. La ricostruzione, attraverso testi e immagini, del vissuto dei «bambini nella Shoah» e la presentazione e analisi di materiale inedito in Italia sui ghetti di Terezé­n, nonché la rievocazione di fatti, ricordi, testimonianze, canzoni e vita quotidiana, offrono al lettore la concretezza del vissuto di allora, l’occasione per interpretare l’oggi e lo spunto per costruire il domani. Con una guida finale per la lettura creativa del volume e un punto di partenza per la conoscenza della Shoah e dei valori universali correlati: la convivenza tra i «diversi», l’educazione del futuro cittadino la conoscenza e l’accettazione dell’«altro». Questo libro bussa alla porta dei bambini e dei ragazzi ma si rivolge anche a genitori e addetti ai lavori come insegnanti, educatori e bibliotecari, chi frequenta i più giovani e dialoga con loro attraverso i linguaggi della conoscenza e dell’affetto.

Molto bello sia dal punto di vista dei contenuti, sia dal punto di vista delle illustrazioni. Comincio a pensare che il sinonimo di Edizioni Sonda sia “Alta Qualità”, in quanto ancora devo trovare un libro che non mi abbia colpito… Sono tutti bellissimi!

Miriam

Paura del diverso

Oggi mi rendo finalmente conto che il nostro paese, la tanto amata Italia, invece di fare passi avanti, continua a farne indietro.
Possibile che non riusciamo a progredire e ci ritroviamo a regredire? Possibile che siamo un popolo di fifoni?
Sì, di fifoni.
Vi chiederete perché e di cosa avremmo paura ma prima di addentrarci nell’argomento vorrei tirarmi fuori da quel “siamo”. Io non sono fifona, anzi.
Quindi è meglio dire che voi avete paura, sì.
Paura di abbracciare culture, religioni e addirittura amori diversi da quelli che siete abituati a vedere.
Avete paura dei “rituali” strani che aleggiano intorno a certi “credi” come l’ebraismo.

Allora che si fa? “Spaventiamoli, facciamo vedere che noi siamo forti e che non abbiamo paura!”
Ma paura di cosa? La nostra è semplicemente una religione, come il cristianesimo… E invece tutti a pensare che la “forza giudaica” (come ho letto in alcuni siti di stampo antisemita) vuole diventare una potenza mondiale. Tutte queste strane teorie revisioniste/negazioniste sul fatto che gli ebrei dentro quei campi non ci sono mai stati e di certo non sono quindi mai morti. Cercano di refutare la storia per arrivare alla loro conclusione: “gli ebrei fanno le vittime solo per arrivare a conquistare il mondo”.
Ebbene sì, non sapevamo come dirvelo e volevamo tenerlo nascosto ancora un po’: la Shoah è tutta una bufala, come gli anni passati nel deserto dopo la schiavitù in Egitto. Il nostro intento era proprio quello di fare le vittime per riuscire, indisturbati, ad ottenere sempre più potere fino ad arrivare ad oggi, nel 2014, con le tasche piene di soldi. Noi ebrei non sentiamo neanche la crisi per quanto potere abbiamo e voi, invece, morirete di fame! Come riconoscere un ebreo? Kippà in testa, naso adunco, barba lunga (negli uomini, ma anche nelle donne se si dimenticano di fare la ceretta) e una coda che nascondiamo sotto i pantaloni. Per non parlare della nostra lingua biforcuta! Siamo esseri mutanti pieni di soldi e facciamo le vittime con voi altri.

Non so in quanti riusciranno a percepire la sottile ironia di queste parole. Mi domando come sia possibile negare l’esistenza della Shoah… Tutti quei 6 milioni di morti dove li mettiamo? Erano semplici comparse di un film? Non scherziamo, per favore!
E dove sarebbero tutti questi ebrei ricchi e al potere? Anche noi sentiamo la crisi come tutti, anche da noi ci sono persone che tentano il suicidio, persone che chiudono i propri negozi, persone che tornano a casa la sera e non sanno cosa mettere in tavola, non sanno come sfamare i propri figli. Anche noi soffriamo, come tutti voi. Anche noi viviamo una realtà scomoda, che fa male, ma la viviamo. E in aggiunta dobbiamo pensare ad alcuni “paladini della giustizia” ancora convinti che se Gesù è stato crocifisso la colpa è degli ebrei. Gli stessi ebrei che in quei campi dovevano essere sterminati tutti… Ma come, non avevate detto che quei campi erano tutta un’invenzione ebraica?
“Paladini della giustizia” che pensano di risolverla così la crisi. Paladini che se fossero nati ai tempi di Hitler, sarebbero stati i primi ad indicare un conoscente, un vicino, un amico, un collega ebreo per dire: “Prendetelo, quello è un lurido ebreo!”
Intimidazioni e provocazioni che sono sfociati in atti vili, come le teste di maiale consegnate da quel pazzo poche settimane fa.

Per fortuna non tutti sono così. Esistono ancora persone in grado di ragionare e capire che come esiste la Chiesa, esiste la Sinagoga. Che c’è chi prega con l’Ave Maria e chi dice lo “Shemà”. Chi festeggia Natale, cospargendo la casa di luci natalizie e chi festeggia Chanukkà, illuminando la propria abitazione con le candele ad olio poggiate su un candelabro. Due festività diverse, stessa intensità di colore, di luce, di speranza.
Speranza che tutto ciò possa finire perché sarebbe bello vivere tutti in armonia. Ognuno con il suo credo.

Alla fine tutto questo succede per colpa della paura e dell’ignoranza perché le cose che ci “sfuggono”, che non capiamo, sono quelle che ci mettono più paura. Come l’omosessualità.
Io non ho paura. Io amo convivere con tutte queste piccole realtà diverse tra loro che contribuiscono a dare una notevole sfumatura al nostro mondo, fin troppo grigio.
Un po’ come quando da bambini avevamo paura del buio. Una paura nata dal fatto che una volta spente le luci non riuscivamo a riconoscere le figure che ci “circondavano” e in noi nasceva quindi una visione distorta della cameretta in cui ci trovavamo. Ogni singolo oggetto, anche dal più banale come una sedia o una lampada, diventavano mostri feroci che ci avrebbero attaccato da un momento all’altro. Con il tempo ho imparato a distinguere ogni cosa in modo oggettivo e da lì non ho più avuto paura del buio, anzi.
Visto? Basta imparare a riconoscere ciò che ci circonda e gli ebrei, come i musulmani e i cristiani, non ci faranno più paura. Sono persone come noi con una vita, una famiglia, un lavoro. Ognuno di loro ha i suoi problemi e la stessa determinazione nel risolverli.
In un periodo come questo, dettato dalla crisi che ci avvolge sempre di più, dovremmo imparare a collaborare tutti e ricordare chi è il vero nemico.

Questo è un discorso molto più ampio che io ho affrontato sotto il punto di vista della religione, ma ci sono tanti altri casi diversi tra loro che meriterebbero almeno un minuto di riflessione. Basta pensare agli omosessuali. Non riescono a vivere serenamente la loro sessualità per colpa di tutte quelle persone che lo trovano “sbagliato”, “anormale” solo perché gli omosessuali hanno la sfortuna di essere in minoranza e tutte le minoranze hanno sofferto sempre nella storia (proprio come gli ebrei o le persone di colore). E se fosse tutto il contrario? Se il mondo fosse in maggioranza omosessuale e in minoranza eterosessuale? In quel caso gli eterosessuali sarebbero considerati persone “diverse”, ma non per questo sbagliate. Non trovate?

Miriam