Mondo Convenienza apre a Serravalle!

Buongiorno,

oggi sono qui per parlarvi di Mondo Convenienza, un’Azienda che mi affascina da sempre e che quando sono dentro ai suoi punti vendita mi perdo nel profumo dei mobili… Il mio odore preferito!

Mondo Convenienza ha recentemente “cambiato casa” e il 15 giugno ha aperto all’interno del Retail Park Serravalle al civico 33. Il negozio si presenta ancor più ricco di soluzioni perfette per arredare le proprie location in quanto da 113 stand sono arrivati alla bellezza di 181 con 3.400 metri quadri di area totale! Per essere ancor più vicini al cliente, la loro mission principale, hanno dimostrato ancora una volta che i prezzi sono alla portata di tutti, per qualsiasi target. Un’altra splendida novità è data dal restyling dello store e… Vedere per credere: è tutto fantastico e si denota fortemente la loro passione in ciò che fanno… Una caratteristica che non tutti hanno!

Mondo Convenienza tiene molto a cuore l’ambiente e proprio per questo sono anni che progettano i loro punti vendita con l’obiettivo di abbattere costi ed emissioni, promuovendo un quadro energetico ecosostenibile e per Serravalle hanno deciso di fare ancora di più: hanno realizzato un impianto di illuminazione interamente a led e hanno centralizzato l’impianto di climatizzazione. Risultati? consumo energetico ridotto drasticamente di oltre il 40%. Nell’ambito dell’interior design di Serravalle hanno deciso di collocarsi tra due realtà: la meravigliosa costa delle Cinque Terre, che con la sua tradizione ittica e portuale li ha ispirato nella ricerca di oggetti d’arredo, e le colline della provincia di Alessandria, che rivive in dettagli dal sapore rustico. Tramite dei numerosi light box, infine, i clienti verranno accompagnati lungo il percorso espositivo dai più suggestivi scorci marittimi con reti, conchiglie, velieri e pescatori.

Mondo Convenienza ha molto a cuore la tradizione artigianale locale e lo dimostra nella realizzazione di oggetti con materiali originali del territorio, come l’ardesia, pietra simbolo della costa di Levante, e lavorazioni tessili a macramè che si fondono con le ultime tendenze d’arredo: un connubio tra tradizione e modernità.

Per far divertire anche i più piccoli, Mondo Convenienza ha pensato di fare una splendida sorpresa valida fino al 2 luglio: un parco giochi interamente gratuito dove potrete trovare tantissime attrazioni, del buon cibo e numerosi gadget esclusivi. Gli orari del parco giochi sono dalle 11 alle 19.

Molti eventi si sono organizzati in questi giorni per dare il benvenuto a questo nuovo punto vendita: il più importante è la ruota panoramica alta 16 metri… completamente gratuita!

Vi consiglio di farci un salto e sono sicura che rimarrete entusiasti… Nel frattempo date un’occhiata QUI.

Miriam

Buzzoole

Annunci

Euromaster Life: musica, cultura e territorio 2.0 alla conquista del web!

Euromaster Life la più grande rete europea nel settore dell’assistenza pneumatici e della manutenzione ordinaria dei veicoli, espande i suoi interessi nel web fondando un sito innovativo e curioso che dà ampio spazio ad argomenti come la musica, i viaggi e la cultura, entrando nel dettaglio ricercato d’eventi unici e esclusivi che stimolano il dialogo, la condivisione e anche una passione non indifferente verso nuove forme di comunicazione e immaginazione. Euromaster Life punta a conquistare la rete e i tantissimi lettori giovani e non solo cercando di coinvolgerli in un tour virtuale che potrà farli viaggiare nelle capitali mondiali o anche in città minori teatri d’eventi speciali, realizzando così un’attenzione particolare verso alcuni aspetti fondamentali della nostra quotidianità: musica, viaggi e cultura metropolitana sono strettamente legate e annesse ad un universo di sapere di cui non si potrà più fare a meno. Ogni singolo individuo che approderà nella piattaforma on line o anche sulle pagine social del brand potrà arricchirsi di una nuova forma di cultura espressione di passione e curiosità. Territorio, musica e metropoli sono i tre argomenti su cui Euromaster Life punta per smuovere il dialogo e la discussione fra i suoi lettori, materie raccontate in modo innovativo, spesso fuori dall’ordinaria notizia è anche per questo che intrattenersi sul neonato sito non potrà che essere un modus naturale e spontaneo per approdare ad una conoscenza più estesa. Nella sezione metropoli, per esempio, si possono trovare alcuni interessanti post, uno fra tanti il racconto dettagliato della bellissima manifestazione Nederlands IJsbeelden Festival che quest’anno si è svolta ad Amsterdam: protagoniste alcune sorprendenti sculture di ghiaccio ammirate dai tantissimi visitatori che accompagnati da i più alternativi sfondi musicali si sono fatti cullare da uno spettacolo unico nella sua specie. Anche nella sezione territori, Euromaster racconta in modo originale alcuni luoghi magici rivelandolo il loro legame con il suono: nella descrizione del “Bosco che suona” come posto incantato dove il silenzio dovrebbe fare da padrone è invece per alcuni musicisti un luogo d’ispirazione e mood innovativo per creare nuove e privilegiate melodie. 

Dettagli di un sito nato solo da poco, il 14 novembre 2016, costruito e arricchito di contenuti mai scelti a caso ma che hanno l’unico scopo d’interessare il lettore ad immergersi in un viaggio virtuale, fantasioso ma anche emotivamente coinvolgente distante dal concetto radicato dell’eccessiva superficialità di alcuni contenuti web. Euromaster Life (life.euromaster-pneumatici.it) mira a realizzare una community di persone che hanno gli stessi interessi verso mondi, culture, musica lontani ma oggi apparentemente più vicini grazie alla rete. 

Miriam
Buzzoole

Il mio amico cantautore e un’iniziativa speciale!

Salve a tutti,

oggi voglio parlarvi di un’iniziativa molto carina organizzata da un mio caro amico di liceo, Daniele Tonetti, e Melissa, una ragazza audiolesa.

Daniele è sempre stato il ragazzo solare che entrava in classe e fischiettava perché per lui la vita andava presa sempre con un po’ di musica… E se per te la giornata era cominciata storta ci pensava lui ad raddrizzarla con un sorriso ed un consiglio! Un amico con cui mi sono sempre trovata a parlare di tutto a tal punto da arrivare a capirci con uno sguardo e a sviluppare una sorta di empatia che ci accomunava. Ogni sua tristezza era anche la mia e viceversa.

230396_1867346095966_6808884_n

Purtroppo una volta finito il liceo ci siamo persi di vista in quanto entrambi impegnati a rincorrere i nostri sogni: io nell’ambito del giornalismo e lui nella musica.

Io sto ottenendo i miei piccoli traguardi, ma anche lui non è da meno! Ha pubblicato, infatti, diversi singoli tra cui “Cenere”. Proprio di questo vorrei parlarvi: il video ufficiale di “Cenere” è stato tradotto in LIS… Insieme alla splendida Melissa!

Cattura

Lascio a Daniele la parola, sicuramente lui saprà spiegarvi molto meglio!

Come è nato questo progetto? Da quando scrivo canzoni ho sempre avuto il sogno che qualcuno riuscisse a raccontare / tradurre un mio pezzo nel linguaggio dei segni. Mi ha sempre affascinato questo tipo di linguaggio e finalmente, tramite youtube, ho conosciuto Melissa che è stata entusiasta di questa mia idea. Tra tutte le mie canzoni ha scelto “Cenere”, un pezzo che parla di un amore importante, o per lo meno che così è stato, ma che con il passare del tempo era diventato “a senso unico”. Il protagonista della canzone, quindi, descrive e associa con l’amaro in bocca quest’amore alla cenere… che vola via e non rimane nulla.

Vuoi parlarci di Melissa e di questo concorso? è una ragazza audiolesa con un cuore enorme! Sono felice e fiero di aver collaborato con lei perché mi ha fatto capire che nonostante i veri problemi della vita… Si deve andare avanti a testa alta e sorridere! Stavo per partecipare a questo concorso con un altro mio video musicale, ma all’ultimo ho cambiato idea ed eccomi qui con la traduzione in LIS di “Cenere”! Il perché è semplice: prima di tutto è qualcosa di nuovo da proporre e soprattutto è un voler espandere nel web questo tipo di video, cioè canzoni tradotte in LIS, perché è importante poter far “ascoltare” musica anche alle persone audiolese.

Continuerete questo progetto con altre iniziative? Sicuramente molte mie canzoni saranno tradotte in LIS da questa splendida ragazza. Ho riscontrato sulla mia pelle, ricevendo dei messaggi di ringraziamento da persone audiolese, che con questo piccolo gesto anche loro possono riuscire ad apprezzare la musica, o il pezzo in sé.

Spero che questa mini intervista possa essere di vostro gradimento come l’iniziativa stessa. Per votare basta aprire QUESTO LINK, cliccare “Supporta con Facebook o Twitter” e poi condividere per dare “l’ok” al voto. Un piccolo voto di pochi secondi per una buona causa… Grazie mille a tutti voi!

Miriam

Argenesi Sound Touch: la rivoluzione del suono a portata di smartphone!

Salve a tutti,

oggi voglio presentarvi un prodotto eccezionale che mi è stato chiesto di recensire per conto della Silvan S.r.l., storica azienda argentiera di Padova dal 1965, che sviluppa e produce gli articoli con brand Argenesi e ARGENESI®Sound. Una realtà italiana che coniuga creatività e tecnologia, design e sperimentazione per realizzare prodotti sempre nuovi e innovativi dall’inconfondibile stile “Made in Italy”L’innovativa tecnologia SilvanSputteringAg permette di conciliare elegantemente l’argento puro con altri tipi di materiali e prodotti, anche colorati, senza celarne la naturale bellezza. Questa lavorazione avviene nel pieno rispetto dell’ambiente; è infatti ad emissione zero: nessun rifiuto viene generato dopo il procedimento. Permette inoltre di abbattere i costi, non prevedendo alcuna fusione di materiali, e garantisce un prodotto finito di ineguagliabile qualità.

Il mio compito è stato quello di recensire Argenesi Sound, brand che nasce dall’ambizione di poter coniugare l’antica passione per “quel metallo di luna, capace di riflettere la luce” con uno degli ultimi oggetti tecnologici più acclamati dei tempi moderni, l’iPhone di Apple. Argenesi® significa infatti “genesi dell’argento” ed il nuovo modo di vivere l’argento: 999 volte ancora più sound!

Il prodotto si presenta in una scatola molto elegante…

FullSizeRender

… E una volta aperto…

FullSizeRender (1)

… È stato subito provato!

FullSizeRender (2)

 

 

Queste casse portatili hanno lo scopo di amplificare la musica dello smartphone come se il cellulare fosse “integrato” in un sistema stereo portatile, aumentando così la potenza e qualità del suono prodotto naturalmente dall’altoparlante del dispositivo. Questi dispositivi sono stati ideati per poter essere utilizzati con i vari modelli di smartphone presenti sul mercato, dai modelli  Apple® quali iPhone 6, iPhone 5, iPhone, 4, ecc…, ai modelli Samsung Galaxy Alpha, Galaxy S5, GalaxyS4, ecc…. La peculiarità di queste casse per smartphone è che non c’è nessun bisogno di alcuna connessione tra l’apparecchio ed il cellulare (tipo bluetooth, wifi, cavi, ecc..), in quanto utilizzano l’induzione magnetica per il loro funzionamento. Questi altoparlanti portatili sono avvalorati dalla presenta di un metallo prezioso, quale Argento 999 oppure Oro 24kt, che sono depositati tramite l’esclusiva tecnologiaSilvanSputteringAg menzionata ad inizio articolo.

Per scoprire tutti i modelli degli altoparlanti per smartphone disponibili, è possibile visitare il loro Store Online… Io sono veramente soddisfatta di questo prodotto che mi ha permesso di sentire la musica in maniera pulita e ottimale. Il dispositivo va a batteria, ma è bastato rimediare un cavo di ricarica Samsung e… Addio Pile! In più questo modello è libero da Bluetooth e Wi Fi che mandano inevitabilmente off la batteria del telefono! Il mio voto? 10/10!

 

Bastianich: da imprenditore a musicista?

AGGIORNAMENTO”: Dal video si pensava che Bastianich avesse deciso di darsi alla musica, ma mi sbagliavo! Il nostro Chef non ha deciso di abbandonare i fornelli perché in realtà ha deciso di rinnovare la partnership con KIA e diventare testimonial del contest #thesoulmustgoon (https://www.thesoulmustgoon.it/)”!

Quanti di voi conoscono Joe Bastianich? Per chi non lo sapesse è un imprenditore statunitense di origini italiane che è riuscito, seppur giovanissimo a costruire un vero e proprio impero nel mondo della ristorazione. Proprietario di 25 ristoranti e di due sedi di Eataly (New York e Chicago), possiede inoltre 4 aziende vinicole tra l’Italia (la Bastianich srl in Friuli e La Mozza nel Grossetano) e l’Argentina. A tutto questo si aggiungono un prosciuttificio a San Daniele e la collaborazione con tantissime riviste specializzate nel settore, oltre alla presenza in programmi di cucina famosi in tutto il mondo.

Sembra che tutti questi successi non siano sufficienti per l’imprenditore newyorkese che ha deciso di cimentarsi con la musica, o almeno così sembra dal video diffuso… Voi lo avete visto? Eccolo qui:


Ciò che mi incuriosisce maggiormente, non è tanto la sua abilità nel suonare la chitarra ma…. Che cosa ci fa ad una trattoria? Che si sia dato all’intrattenimento? Sarà la musica la priorità di Joe Bastianich nel prossimo futuro?

Restate connessi e, forse, lo scopriremo!

Miriam

Il romanzo di Kurt Cobain

Ciao a tutti ragazzi,
visto che oggi è la Giornata Mondiale del Libro… Doppio post per la sezione “Library”!

In occasione dell’uscita nelle sale, il 28 aprile, del primo documentario interamente autorizzato su Kurt Cobain: COBAIN – MONTAGE OF HECK dell’acclamato regista Brett Morgen, vi segnalo l’uscita del libro di Marcel Feige, “Il romanzo di Kurt Cobain”, dedicato al leader dei “Nirvana”, l’ artista che ha cambiato per sempre la scena rock degli anni Novanta, dando vita alla nuova generazione musicale del “grunge”.

image003

Prova a immaginare di essere Kurt Cobain: hai avuto un’infanzia solitaria perché i tuoi genitori ti hanno abbandonato; sei pieno di talento, ma così inquieto da trovare sollievo solo nella musica e nelle droghe. Ti senti solo e tradito da tutti, arrabbiato perché nessuno ti comprende. E poi, il matrimonio esaltante con Courtney Love e la dipendenza dall’eroina, il successo internazionale e la nausea per lo show business. Fino al tragico epilogo, con un colpo di fucile alla testa.
Insieme alla sua band, i Nirvana, Kurt Cobain è stato uno dei musicisti più influenti degli ultimi decenni. Artista geniale e inquieto, sognatore in preda ai suoi stessi incubi, ci ha lasciati alla fatidica età di 27 anni – la stessa a cui sono morti Jim Morrison, Janis Joplin, Amy Winehouse. Chi era davvero? E cosa ha lasciato ai milioni di fan in tutto il mondo che continuano ad ascoltare le sue canzoni, ad andare in pellegrinaggio nei posti in cui ha vissuto, a trarre ispirazione dai suoi testi? Marcel Feige ti fa entrare, senza voyeurismo né luoghi comuni, nella vita di un musicista outsider e ribelle e nella sua ricerca interiore durata 27 anni, scandita da quei brani che hanno cambiato per sempre la storia della musica rock.

Io della vita di Kurt Cobain sapevo ben poco. Amo ascoltare la musica, ma non amo entrare nella vita del cantante. Dovrebbe rimanere riservata, secondo me. Questo libro mi ha colpito proprio perché mi ha fatto entrare nella vita di questo giovane ragazzo che a tratti era tragica e in altri tenera. Me lo ha fatto amare come se fosse una persona a me cara, conosciuta da sempre. Purtroppo, però, nessuno potrà ridare Kurt a questo mondo. E di questo me ne dispiaccio.

Miriam

Press Day John Richmond!

Buongiorno a tutti,

chi segue i miei Social avrà visto il post in cui parlavo di un viaggio a Milano in cui sarei andata al Press Day organizzato da John Richmond per vedere le nuove collezioni, conoscere lui in persona ed intervistarlo. Ma soprattutto avrà visto il flusso di foto della giornata. Sul blog non ho avuto tempo di parlarne e ho approfittato dei Social che sono più immediati… Ma ora eccomi qui, a 24 ore dall’incontro, per parlarne.

Ieri è stata una giornata colma di emozioni e l’intervista al mitico John Richmond è stata la ciliegina sulla torta. Lui è una persona molto disponibile e simpatica. Nelle sue creazioni si sente fortemente il legame che ha con la musica e, in special modo, con il Rock’n’Roll. Durante l’intervista ha risposto con entusiasmo alle mie domande e poi ci siamo lasciati andare a discorsi più personali, come il futuro di noi giovani nel mondo della Moda e della Comunicazione. Dopo venti minuti in cui io ho dedicato tutta la mia attenzione a lui, alla sua vita, alle sue creazioni.. Lui ha deciso di dedicarla a me, chiedendomi da dove venivo, che cosa studiavo e così via. A lungo andare sembrava più una chiacchierata tra “vecchi amici” e io non sono mai stata più felice!

E alla fine dell’intervista? … Immancabile il SELFIE con John!

Nelle creazioni uomo e donna che ho avuto modo di visionare si sente fortemente questo amore per la musica che lui predilige attraverso l’uso di materiali come la pelle e l’iconicità di motivi e trame. Alcuni capi femminili richiamano, addirittura, a stili mascolini e… Questo è lo stile che adoro! Non manca, però, anche la femminilità eterea ma al contempo marcata da un velo dark e rock. Un forte contrasto che fa di lui un uomo dalle mille sfumature, in grado di conoscere ciò che la donna e l’uomo di oggi desidera.

Quando ero ancora una bambina, guardavo su internet i vestiti e le sfilate Richmond. Mai avrei pensato di poterlo conoscere e di poterci parlare in lingua inglese. Non voglio fare prediche o sembrare una di quelle mamme che dicono ai figli: “Studia che poi ti tornerà utile!!”. Ma effettivamente è così. Con la conoscenza possiamo avere in mano tante risorse di cui non ci rendiamo minimamente conto. Con la cultura possiamo sentirci “cittadini del mondo”.

Alla prossima avventura,

Miriam