Animali in famiglia (e fuori)!

Oggi è stata la giornata dedicata alla recensione di alcuni libri letti in settimana e per ultimo, ma non meno importante, ho da segnalarvi “Animali in famiglia (e fuori)” di Mario Riccardo Oliviero, edito Sonda. La prefazione, invece, è a cura di Valerio Pocar, Garante per la Tutela degli Animali del Comune di Milano.

La moderna relazione uomo-animale domestico affonda le radici in secoli di convivenza e oggi è sempre più regolata dalla legge: gli animali da compagnia sono considerati soggetti partecipi della società, con diritti e doveri, come ogni altro «cittadino». Chi vive con animali da affezione deve, non solo per legge, rispettare le regole civili e prestare attenzione ai bisogni del suo migliore amico, provvedendo alle necessarie cure del caso, anche rispondere per i loro comportamenti.In questa guida è possibile trovare tutto quello che c’è da sapere per vivere in famiglia, in condominio e in società con il proprio animale: dalle fondamentali leggi e diritti ormai acquisiti dagli animali d’affezione, ai loro rapporti sociali (iscrizione all’anagrafe canina, vita in condominio, rumori molesti…); dalle responsabilità e rischi connessi al possesso alle potenzialità e vantaggi delle assicurazioni pensate appositamente per loro; fino alle utili indicazioni da consultare prima delle vacanze o di un viaggio «in compagnia», con una lista delle principali strutture pet-friendly.

L’autore

Nato a Milano. Laureatosi in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Milano Bicocca, è giornalista giuridico. Nel corso della sua attività giornalistica, ha pubblicato numerosi articoli su testate tecniche e ha lavorato come redattore interno in una casa editrice di settore, oltre che all’interno di programmi televisivi e nella redazione di due telegiornali.

 

Il legame tra la violenza sugli animali e quella sugli umani

Animali, umani. Dov’è la differenza? Violenza sugli umani, violenza sugli animali. Dov’è il legame?

A volte ci sono degli argomenti che vengono sottovalutati e quindi, automaticamente, non meritando “attenzione”… Semplicemente si ignorano. Basta pensare alla violenza sugli animali che molto spesso viene scartata e giusto in pochi ne parlano. Basta accendere la Televisione la sera e su “Striscia la Notizia”, canale 5, c’è il grande Edoardo Stoppa che ha sempre a cuore la sorte dei nostri amici “a quattro zampe”. Un’altra persona, invece, di cui voglio parlarvi in modo più approfondito è Annamaria Manzoni, psicologa e psicoterapeuta, ipnositerapista e grafoanalista, accreditata presso l’ordine degli psicologi della Lombardia come Psicologa Clinica e dell’Età Evolutiva e in Psicologa Giuridica. Ha lavorato per anni nell’ambito della tutela minorile, occupandosi di minori allontanati dalle famiglie di origine, maltrattamento e abuso, affido e adozione; ha collaborato con il Tribunale dei Minori di Milano ed è attualmente consulente presso il Tribunale di Monza. Da anni componente del Consiglio Direttivo del Movimento Antispecista, collabora con la LAV, Oltrelaspecie e altre associazioni in difesa degli animali.

Dalla sua esperienza, dal frutto del suo lavoro, è nato il saggio “Sulla cattiva strada”, edizioni Sonda, che parla, appunto, del legame tra la violenza sugli animali e quella sugli umani.
“Un legame?”, vi domanderete stupiti. Ebbene sì e basta già leggere alcune righe per capire quello che intendo:

Sono gli studi scientifici e i dati statistici a suggerire l’esistenza di un collegamento tra crimini contro gli animali e crimini contro gli essere umani. Il concetto di escalation criminale è il frutto delle riflessioni degli scienziati che studiano il crimine: a volte il furto, l’incendio, l’uccisione di animali sono antesignani di violenza sugli uomini. E’ noto come sia le corse clandestine di cavalli sia i combattimenti tra cani diventino un battesimo del crimine per i piccoli che assistono. Allo stesso modo è documentata la frequente associazione tra traffico di animali esotici e traffico d’armi e droga, o traffico di cuccioli e affari malavitosi.

L’autrice, da anni impegnata sul fronte del disagio sociale e della violenza verso gli animali, illustra molti casi tratti dalla cronaca nazionale e internazionale, e fa un’ampia panoramica storica sulla letteratura psicologica e psichiatrica. Dimostrando come tutte le forme di crudeltà umana siano collegate tra di loro. Il male è tutto ciò che fa soffrire gli esseri senzienti: le crudeltà di cui in particolare gli animali sono oggetto non sono solo frutto del sadismo individuale, ma spesso inflitte a norma di legge nei luoghi del loro martirio: territori di caccia, macelli, laboratori di vivisezione, il dietro le quinte dei circhi. Si ricompone così il filo che unisce queste realtà a tutte le altre che hanno come vittime gli umani: territori di guerra, prigioni, ospedali psichiatrici giudiziari, metodi educativi autoritari. l risultato è un affresco al negativo in cui diventano evidenti e innegabili le interconnessioni tra tutte le forme di violenza manifesta, legali o illegali che siano, che, come una ragnatela, si ampliano e si contagiano reciprocamente. Ma anche una possibilità di riscatto e di cambiamento, non volendo confondere ciò che è lecito con ciò che è giusto, perché l’ingiustizia resta tale anche se regolata da tutte le leggi di questa terra. E con la speranza di superare il cronicizzato peccato mortale dell’esclusione degli altri animali.

Miriam