Il cancro… Combattiamolo insieme!

È incredibile come una giornata positiva possa trasformarsi in negativa tramite il richiamo di una semplice parola. In realtà, ciò che davvero lascia sconcertati è il fatto che basta nominare il termine “cancro” e il mondo comincia a tremare. O almeno per me è così. Un male silenzioso che ti devasta, sia dentro che fuori. Un terremoto. Un uragano. Distrugge tutto senza curarsi di ciò che lo circonda. Infine, sempre in un macabro silenzio se ne va. Lo ha fatto già una volta, portando via un pezzo di me, della mia vita. Mio zio, un uomo che ha lottato con le unghie e con i denti pur di rimanere in questo mondo. Invece è andato via con il sorriso che lo ha accompagnato per tutta la sua esistenza. Lo stesso sorriso con cui mi accoglieva tra le sue braccia, come un rifugio dal mondo. Ricordo ancora il calore del suo abbraccio, l’ultima volta. Se solo avessi saputo, lo avrei stretto più forte. O forse, non lo avrei proprio lasciato andare fino a quando i suoi occhi non avrebbero cercato il paradiso. Paradiso in cui giace ormai da un po’. Paradiso ritrovato. Riposa in pace, zio.

E poi c’è lei. La mia forza, il mio sole. Mia nonna. Una donna che ha combattuto, anche lei, con un male fin troppo grande. Lei, così esile. Il cancro, così crudele. È difficile vedere la disperazione di una donna che mi ha cresciuto come se fossi sua figlia. Come potevo spiegarle che agli occhi miei lei era bella così? Nonostante la parrucca, nonostante le cicatrici. Segni indelebili di una battaglia che lei è riuscita a vincere. Cara nonna, abbiamo avuto il nostro lieto fine.

Mia nonna è stata fortunata, altri invece non hanno avuto proprio la stessa fortuna… E così si continua a lottare, a sperare. Purtroppo c’è anche chi perde e se ne va. Il cancro può riproporsi in posti diversi anche a distanza di molto tempo. A volte, questo male, prende anche il nome di metastasi. Allora mi domando: come lo spieghi a chi pensava di aver finito tutto quel calvario che deve ricominciare da capo? I cicli di chemio, i capelli finalmente ricresciuti che cominciano nuovamente a cadere, le sopracciglia inesistenti, la scelta di una nuova parrucca e cappelli per nascondere il dramma. Per non parlare poi della nausea e del formicolio alle mani. Ci sarebbe tanto da dire.

Il cancro è un dolore che non vive solamente in chi lotta per la vita, ma anche in chi gli sta vicino. Pianti soffocati per farsi forza a vicenda. L’amara sensazione di perdersi. La paura che sia troppo tardi e che, ormai, non si possa fare niente.

Sono giunta alla conclusione che il cancro è la nuova piaga del nostro millennio e noi dovremmo cercare di fare qualcosa. Come ogni anno parteciperò al “Race for the Cure” di Komen, organizzata al Circo Massimo (Roma). Tre giorni di salute, sport e benessere per la lotta ai tumori del seno. Insieme possiamo fare tanto. Il cancro si può sconfiggere!
16-17-18 Maggio 2014, non mancate.

Per maggiori informazioni, cliccate qui: Komen Italia

Miriam

Annunci