Budapest e l’Est che non ti aspetti!

Articolo a cura di Antonio Caracallo

Nel corso degli anni Budapest è diventata una meta turistica alla pari delle altre capitali europee. Nata dall’unione dei centri abitati di Buda, Òbuda e Pest, che sono collegati tra di loro da una rete di ponti, tra i quali il Ponte delle Catene. Punto perfetto per scattare le foto. 

I Bagni Termali 

Nati dalla passione per le terme del popolo romano, richiamano turisti da tutto il mondo. Gli antichi romani fondarono “Aqiuncum” ovvero grandiose terme nelle quali si possono vedere i resti di Òbuda. 

Dal 1934 Budapest è una città termale, per questo potete godervi la tradizione ungherese in bagni termali grandi o piccoli, con temperature che vanno dai 21 ai 78 gradi. 

Si stima che ogni giorno vengono utilizzati circa 70 milioni di litri di acqua. 

Il Quartiere Buda

Questo quartiere è stato il primo centro abitato dell’attuale Budapest, su questa collina giganteggia il Castello nel quale i vicini abitanti di Pest accorsero per rifugiarsi dagli attacchi dei soldati mongoli. 

Da qui ne nacque una città stupenda che, grazie alla sua bellezza, poteva essere paragonate alle vicine Praga e Vienna, anche se dopo l’invasione turca e per i successivi 150 anni Buda subì una notevole trasformazione. Nel 1686 però, grazie agli austriaci, Buda fu liberata, ma i segni dei quasi tre mesi di bombardamenti erano notevoli. 

Ad oggi Buda è sede del Palazzo Reale, della Chiesa di Mattia e merita sicuramente una visita. 

Il Quartiere Pest

Totalmente opposto al quartiere Buda, Pest è il centro moderno ed innovativo, irrequieta e caotica, qui si può osservare la Budapest creativa, con i suoi negozi ed i giovani artisti, ma non vi preoccupate anche qui ci sono cose che devono essere visitate: il Palazzo del Parlamento, il Duomo di Santo Stefano, il Museo etnografico ed infine, ma non per ultima, la Grande Sinagoga. Per gli acquisti consigliamo il Viale Andràssy. Meno piacevole può essere la visita della Casa del Terrore, utilizzato come luogo di tortura. 

La Grande Sinagoga

Budapest ha sempre avuto una numerosa comunità ebraica, ad oggi si contano circa 22 sinagoghe attive, tra le quali scuole, ospedali e case private.

Nel cuore del ghetto ebraico nasce la sinagoga più grande d’Europa, costruita circa 150 anni fa, può accogliere al suo interno circa 3000 persone. 

Il Giardino nasce (volutamente) su un ex fossa comune, dove vi è un monumento che ricorda gli ebrei uccisi da nazismo, caratteristico ed emozionante l’Albero della vita, che raccoglie foglie di metallo sulle quali vi sono incisi i nomi di un martire.   

Il Parco delle Statue di Budapest

Contrariamente a quanto si pensa, i cittadini di Budapest non sfogarono la fine del Comunismo sui simboli chiave, ma ne collezionarono le statue, facendone appunto un Parco, nel quale è possibile “leggere” la storia che fu. 

È possibile anche acquistare “souvenir” così da portare con voi un pezzo di quel periodo, così da non dimenticare quello che è stato.  

Il Museo delle Belle Arti

Paragonato a musei nobili come il Louvre ed il Prado, il Museo delle Belle Arti di Budapest raccoglie una fitta e preziosa collezione di opere, pur essendo un paese dell’Est, non a caso appunto è paragonato ai musei più belli d’Europa. 

Diviso in circa sei sezioni, ospita collezioni greco-romane; egizie, sculture e stampi di vari artisti, nelle ultime due però vi sono, opere di inestimabile bellezza come: Giotto, Tiziano, Raffaelo, solo per citarne qualcuno.  

Non mancano artisti del calibro di Picasso e Monet. 

L’Isola di Margherita 

Adagiata al centro del Danubio e facilmente raggiungibile grazie all’omonimo ponte, merita sicuramente di essere visitata. 

L’isolotto è facilmente percorribile a piedi o in bici, misurando meno di 3 chilometri è l’ideale per fuggire dal caos cittadino e allontanarsi dallo smog. 

È possibile anche godersi un bel bagno nelle acque termali della grande piscina Palatinus. 

Il Palazzo del Parlamento

Simbolo della città di Budapest fu costruito in circa vent’anni, pare sia il “monumento” più fotografato di Budapest.

La sua architettura e un mix di: gotico, barocco e stile rinascimentale; il Parlamento si affaccia sul Danubio e questo non rende la grandezza complessiva di questo palazzo. 

Vi diamo alcuni numeri: 18.000 metri quadrati, 27 ingressi e circa 690 stanze, niente male come luogo di lavoro. 

Il nostro viaggio a Budapest termina qui, raccontaci la tua esperienza e i luoghi che hai visitato aggiorneremo l’articolo col nome tuo. 

Se sei indeciso sulla tua prossima meta turistica, dai un’occhiata alla sezione Travel. Alla prossima!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...