Emme X, la scrittrice sotto pseudonimo!

Ha 37 anni, vive in Sardegna con marito e figlia e scrive con lo pseudonimo di Emme X. Ma chi si cela dietro la maschera? Questo non ci è dato scoprirlo, non ancora, ma sicuramente è una ragazza molto romantica in quanto si definisce come una donna che cerca l’amore e dove c’è sentimento, c’è lei. Da sempre amante sia della lettura sia della scrittura, solo in questi ultimi anni si è sentita pronta ad affrontare il debutto come autrice. Scrivere, per lei, è un istinto animale. Avida lettrice, possiede anche un blog (Romanzi rosa contemporanei di Emme X -romanticamentelibri.blogspot.com) dove si diletta a recensire ciò che legge e che cattura la sua attenzione. “Io leggo per evadere dal grigiore che spesso la vita impone”, ci racconta. E con questa sua frase ha inizio la nostra intervista.

Come hai iniziato a scrivere?

La scrittura, per me, è un istinto animale. Ho scritto solo per me: i miei pensieri, i miei stati d’animo, le mie emozioni, pensando che a nessun altro potevano interessare. In fondo al cuore, ho sempre avuto il desiderio riuscire a comunicare emozioni attraverso i miei romanzi, siano essi struggenti, lieti o misteriosi. Fino a poco tempo fa non avevo la giusta motivazione e ambizione per inseguire il mio sogno. Forse aspettavo la storia giusta, quella che mi spronasse a intraprendere un cammino difficoltoso e spesso ostile. Quando è arrivata, non ho potuto ignorarla, così mi sono messa in gioco. L’editoria, per me, è ancora un mondo sconosciuto.

A quando risale la tua prima pubblicazione?

Il primo romanzo, “la storia che aspettavo”, è stata pubblicata nel dicembre del 2013. Essendo inesperta, l’ho lasciato in vendita su Internet, aspettando vendite miracolose che non arrivavano. Intanto avevo scritto anche un’altra storia e mi domandavo: “Che senso ha scrivere, se poi i miei romanzi, le storie, i personaggi, devono rimanere sconosciuti?”. Dopo aver decantato per bene, come si fa con del buon vino, sono riuscita a pubblicizzare e far vedere che “esisto”.

Collabori con una casa editrice o lavori in self publishing?

Ho scelto di auto-pubblicarmi per velocizzare i tempi, per fare esperienza, per sbagliare e imparare. Certo, significherebbe coronare un sogno e viverlo, se vedessi i miei romanzi in libreria, toccarli con mano, abbracciarli e aspirane l’odore. Per adesso mi accontento di questo: cerco di farmi conoscere – e non è facile – continuo a scrivere e leggo tantissimo.  Per me, lettura e scrittura vanno di pari passo. Le idee non mancano, la fantasia galoppa lontano e spero di sorprendere i lettori. Non escludo di scrivere per qualche Casa Editrice, qualora ce ne fosse l’occasione.

“La forza dell’amore” e “Quando l’amore è amore” sono i tuoi ultimi romanzi. L’amore è sempre presente nei tuoi racconti. Che valore gli attribuisci durante la stesura di ogni opera letteraria?

Io sono una romantica cronica e inguaribile, direi “patologica”. La forza dell’amore è un romanzo rosa che ha un risvolto drammatico. Ho versato fiumi di lacrime su questo libro. Dopo essermi disidratata, ho deciso di scrivere una storia allegra e spensierata con una protagonista goffa e imbranata che ne combina di tutti i colori. Stavolta, mentre scrivevo, ridevo. L’amore fa parte della vita e ha mille sfaccettature. Mi è capitato di leggere romanzi rosa che si somigliavano un po’, come se sull’amore non ci fosse più nulla da scrivere. Personalmente non ho mai letto storie come le mie, quindi le ritengo originali. Cerco di sorprendere il lettore, soprattutto nel finale: niente deve essere scontato o banale. Mi hanno chiesto, – amici, conoscenti – di scrivere un thriller, ma non credo sia nelle mie corde. Eppure il primo romanzo e anche quello che pubblicherò a breve, hanno degli intrecci che portano il lettore a domandarsi: “Cos’è successo? Come andrà a finire?” Un po’ di mistero non guasta e l’amore aggiusta tutto, almeno nei romanzi … ma sarà sempre così?

Qual è il romanzo a cui ti senti più legata?

Indubbiamente al primo. Sono legata al personaggio di Stella in modo viscerale. Non c’è nulla di autobiografico, però è frutto di un sogno che mi ha turbata per parecchio tempo. Questa è la storia che mi ha spinto a scrivere e pubblicare. Da qui è iniziato tutto e spero che il cammino non si fermi qui.

Hai progetti in cantiere? Qualche nuova pubblicazione?

Ho diversi lavori in cantiere. Aspetto una risposta da una Casa Editrice: per loro ho scritto un romanzo da inserire in una collana e … incrociamo le dita perché ancora non so niente. Poi ho scritto un’altra storia drammatica, molto struggente e romantica, al momento è messa da parte perché non ho trovato la cover giusta, quella che mi faccia dire “è perfetta per il mio romanzo.” Credevo di aver finito con questo romanzo quando, improvvisamente, un colpo di genio mi colpisce lasciandomi tramortita: ho deciso di scrivere il seguito. Ho sempre pensato che non l’avrei mai fatto e invece … mai dire mai. Prima di iniziare a scrivere il seguito – che attualmente consiste in appunti e indicazioni sullo svolgersi della vicenda – , sto completando un  altro romanzo autoconclusivo, credo che uscirà ad aprile. Spero. Intanto, tra una cosa e l’altra, ho partecipato con il mio racconto breve, all’antologia delle “Dragonfly Wings” dal titolo “Tutto nasce da qui”. È stata una piacevole esperienza che ho condiviso virtualmente insieme ad altre colleghe emergenti, chi più chi meno, e adesso l’antologia è disponibile online gratuitamente.

Miriam

 

Se ti piace Rebel Fashion Blog e gli argomenti che tratta, aiutaci a sostenerlo!
Con una piccola donazione potrai permetterci di migliorarlo con nuove iniziative e tante novità!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...