Il rifugio

Ho scoperto che, a volte, i rifugi non sono luoghi, ma persone.
Bisogna, però, essere bravi a non perderle.
Per i luoghi esiste il navigatore, mentre per le persone ancora non l’hanno inventato.
O forse sì.
Il cuore.

“Segui il tuo cuore”, dicevano.
In quanti, al giorno d’oggi, lo fanno realmente? Per le persone l’unico “navigatore” valido è proprio lui.
Tutti ne sono provvisti, ma siamo prefabbricati senza istruzioni per l’uso e forse è proprio per questo che in pochi decidono di ascoltarlo.
Semplicemente non si fidano e ragionano con la testa, peccato che certe decisioni non dovrebbero essere ragionate.
Bisognerebbe far prevalere l’istinto, almeno una volta.

Miriam

Annunci

Un pensiero su “Il rifugio

  1. Mi trovi d’accordo completamente sul fatto che i rifugi veri, molte volte non siano luoghi, ma persone, ma ritengo che la gente ragioni troppo d’impulso, né col cuore né con la testa, mentre spesso bisognerebbe ragionare di più su quello che si dice alle persona a cui teniamo!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...