Il successo: in che senso?

Honoré de Balzac, nel 1838, scriveva: “È il successo che fa il grande uomo”. Ma oggi il “successo”, il “realizzarsi”, significa solo avere un bel lavoro e guadagnare tanti soldi? Davvero si riduce tutto solo a questo?

La società ci impone degli stereotipi surreali dove l’uomo di successo è colui che vediamo a capo di grandi imprese oppure è semplicemente il conduttore del momento, l’attore affermato, la cantante famosa o la show girl piú paparazzata.
Per quest’ultima, si dice che: Chi ha piú scheletri dentro l’armadio, deve assolutamente tirarli fuori per rimanere sulla cresta dell’onda.
Il successo, in questo caso, viene inteso come una banalizzazione della propria privacy.
Basta vedere tutte quelle “it-girl” dal pancione in mostra, dove si stenta a capire chi è il padre e se riconoscerà il bambino.

Forse saró troppo “brontolona”, ma non mi ritrovo nelle aspettative della societá che, inevitabilmente, si stanno insinuando nelle menti delle nuove generazioni, influenzandoli.

Una cosa che mi piace fare è dedicarmi all’ascolto.
Quando cammino, quando prendo i mezzi pubblici.
Una volta, ero sull’autobus e due ragazze parlavano tra di loro.
Sembravano una l’antitesi dell’altra.
La prima, totalmente viziata da chissá quale padre di “successo”, la seconda, molto umile e pacata.
Mi ha colpito molto quando la prima le chiese che lavoro facesse il padre e la seconda cercasse di trovare tutti i termini piú ricercati per cercare di abbellire la mansione che svolgeva il padre.

“Mio padre salva la vita alle persone…”
“Ah, è un medico percaso?”
“No”
“Ma almeno ha una divisa?”
“Si, fa il poliziotto..”
“Ah, pensavo qualcosa di piú… Tipo un primario..”

Sono rimasta stupita da quelle parole.
Cosi piccole e giá pensano di sapere cosa sia realmente “di successo”.
Bisogna imparare a capire che l’uomo di successo puó essere anche lo spazzino che tiene la nostra zona pulita, proprio perchè magari si sente realizzato.
Dobbiamo imparare a capire che il successo non và di pari passo con i soldi, ma con la realizzazione personale.

Le persone che per noi sono “di successo” o “da stimare”, non sempre devono appartenere al mondo dello spettacolo o al grande universo delle “super-impese”.
Non sempre devono indossare una divisa e dirigere un reparto ospedaliero e non solo.
Potrebbero essere i nostri genitori che ci hanno cresciuto o quell’insegnante che, mentre spiega ai suoi alunni, ha gli occhi colmi di emozione come se fosse la prima volta.

Perchè arrivare a formulare un pensiero del genere?
Perchè oggi preferiamo pensare di “essere importanti”.
Vogliamo ambire ad un bel posto di lavoro, dove possiamo essere serviti e riveriti, mentre guadagniamo molto.
L’idea di fare un lavoro modesto (ma importante!) proprio perchè noi lo riteniamo tale è sparita.
Basta pensare ad un pompiere che non finisce in prima serata dentro qualche talk show, ma quando c’è da spegnere un incendio, per me è lui la persona da stimare realmente.
Come tutte quelle persone che vanno ad aiutare il prossimo, senza minimamente pensare ad un vantaggio personale.

L’insegnamento che mi porto dentro è semplice quanto banale e inflazionato: essere se stessi.
Senza sovrastrutture, senza maschere, senza interpretare la parte di un altro che non siete voi. Questa vita è già difficile metterla in scena così, se vi affannate a cercare di essere ciò che non siete, fate il doppio della fatica!

Miriam

Annunci

Un pensiero su “Il successo: in che senso?

  1. Come al solito, hai espresso una delle mie idee. Di quelle più comuni.
    Alla fine, l’importante non è finire in televisione e guadagnare miliardi, ma essere felici di ciò che si fa, di ciò che si è.
    Si può vivere bene anche avendo una vita che apparentemente può sembrare “normale” (per così dire, anche perché secondo me non esiste la normalità: siamo tutti unici, in qualsiasi cosa facciamo), ma che in realtà è una delle più belle.
    Basta vivere con il sorriso sulle labbra. QUESTO è il successo. La realizzazione di noi stessi, dei nostri sogni e delle nostre ambizioni.

    Inutile dire che sono tanto tanto fiera di te e di ciò che hai fatto fin ora. Penso che crederò sempre in te e continuerò a seguirti, nei limiti del possibile. Sei una persona meravigliosa, che crede in se stessa e vuole raggiungere il suo sogno. E, devo dire che, piano piano, passo dopo passo, ti stai avvicinando sempre di più al realizzarlo.
    So che non ci conosciamo da moltissimo, ma… ti voglio bene. Grazie dei consigli e degli aiuti che mi hai sempre dato.
    Grazie per le bellissime cose che scrivi, hai scritto e ancora devi scrivere. Grazie di avermi dato la possibilità di conoscere chi è Miriam e cosa viaggia dentro quella testa, piena di fantasia e idee. Continua così. Sai già la mia considerazione di te, che livelli ha raggiunto 😉
    Emma.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...